fbpx
MENU
      N

      Nuove ispirazioni per il tuo matrimonio boho chic.

      L’origine del boho chic

      Il matrimonio boho chic é senza dubbio una delle tendenze del 2016.

      Sulle passerelle abbiamo assistito ad un ritorno di pizzi e ricami, spesso in una versione diafana e sognante.

      Ma da dove ha origine questo mix di hippie e gipsy, con una spruzzata di vintage?

      Il boho chic deve, come sapete, il suo nome ad una crasi fra  borgueoise e bohémien, ideata dal giornalista americano David Brooks. L’idea era quella di sottolineare come ormai i due stili fossero divenuti conciliabili e le due “classi” si fossero fuse fra loro.

      Credo che l’antenata per eccellenza di questo stile sia riconoscibile in Apollonie Sabatier, che raccoglieva nel suo salotto parigino i primi bohémien. La figlia di Tehophil Gaultier, parlando di lei, scriveva : “ Le sue toilette erano ricche di gusto e di fantasia. Non seguiva molto la moda ma ne creava una tutta speciale.”  E proprio la personalizzazione é la caratteristica fondante di questo stile in cui si esprime una forte libertà e creatività negli accostamenti.

      Non a caso é con Kate Moss e Sienna Miller che questo stile ha iniziato a destare curiosità. Sono state indubbiamente loro le antesignane di questa tendenza, entrambe amanti dei gilet hippie, delle camicie bianche quasi impalpabili, delle gonne lunghe e degli stivali “squaw”.

      Uno stile, due tendenze

      Nel matrimonio invece il boho chic si é declinato in due principali tendenze.

      La prima vede una forte presenza del bianco, dei ricami e degli acchiappa sogni in pizzo. Le cornice ideale per queste nozze sono le feste sulla spiaggia con tende e chitarre da suonare attorno al fuoco. Una sorta di evoluzione dello stile di Jane Birkin e degli hippie. La collezione di Alberta Ferretti, ad esempio, mi ha colpita per il suo romanticismo declinato in un hippie moderno.

      L’altra ha una predominanza di colore acceso, decorazioni geometriche, allestimenti floreali e una crescente presenza di corna di animali nelle decorazioni. Un mix insomma dello stile prateria con elementi più etnici.

      Ho costruito quattro dittici d’ispirazione mantenendo questa suddivisione: sulla destra c’è la variante hippie mentre sulla sinistra quella etnica.

      Gli abiti per le nozze boho chic sono leggeri e privi di costrizioni. Non hanno corpini rigidi e le gonne cadono in modo naturale. Anche le scarpe indossate dalla sposa sono basse e comode , a volte si osano addirittura i piedi scalzi.

      abito matrimonio boho chic

      Alberta Ferretti / Le FruFru 

      Gli acchiappa sogni, i macramè, i tappeti colorati  e le teste di bucefalo sono elementi che ricorrono costantemente fra le decorazioni.

      Come fotografi di matrimonio li troviamo splendidi anche come fondali per il photo booth!

      decorazioni matrimonio boho chic

      Fondale hippy via Pinterest/ etnico

      I tavoli possono essere decorati con colori tenui o con tovaglie e fiori dalle tonalità decise, a seconda del mood che avrete scelto. Piatti e bicchieri possono essere spaiati e accostati in modo creativo. Non dimenticate cuscini e coperte, con le quali gli ospiti potranno avvolgersi nelle serate più umide!

      matrimonio boho chic

      monocromo/ colore

      Le location migliori nelle quali organizzare un matrimonio boho chic sono senza dubbio le spiagge e i giardini di ville ricche di storia.

      festa matrimonio boho chic

      Spiaggia / Prato

      La colonna sonora perfetta da ascoltare in questo caso é la mia playlist estiva ispirata a questo stile. Oppure, perché no, il grande classico di Puccini, ispirato da Henri Murger, ovvero “La Boheme”.

      E tu che tendenza seguirai per l’organizzazione del tuo matrimonio boho chic?

       

      SalvaSalva